Archivi tag: Poa

Marzo – Riparte il Prato

La perturbazione fredda proveniente da Est  di metà settimana scorsa, che ha portato acqua e neve fino in pianura, ora è solo un ricordo e finalmente, è tornato a splendere il sole. Le temperature aumentano lentamente e il clima è caratterizzato da escursioni termiche tra notte e giorno. Le minime non scendono sotto lo zero e le massime oscillano tra 13-16 gradi.

Nei giorni scorsi ho potuto fare vari sopralluoghi tra giardini e campi sportivi

Il prato si sta risvegliando!!!

germinazione 9010 (1)Le foto ne sono  la testimonianza ed è ora di mettere mano al prato.

Continua la lettura di Marzo – Riparte il Prato

La produzione di Prato Pronto In Italia. I produttori e i tipi di prato

levazolleChi sono i Produttori di Prato Pronto.

Le aziende specializzate nella produzione di prato pronto in Italia sono circa 150 distribuite in tutta la penisola, isole comprese, con una media di circa 12-13 ettari a testa, con una forbice che va da 1 ettaro a 120. Le aree geografiche a maggiore concentrazioni sono quella Romana, Veronese, Torinese e Tarantina.

Si calcolano all’incirca 1700 ettari di coltivazione nel corso del 2015, negli ultimi anni, si è avuta una contrazione di circa 300 ettari a causa della crisi dei consumi tra il 2011 e il 2012. Nello scorso anno, posso azzardare, un consumo di circa 6  milioni di metri quadrati, valore che se trova conferma, è in leggera ripresa rispetto il biennio 2011-2012, ma inferiore degli anni precedenti.

La richiesta di prato pronto è stata, per molti decenni, quasi a uso esclusivo delle aree centrali e meridionali della nostra penisola.

In queste aree, le condizioni climatiche ideali per la semina ex-novo dei prati nei giardini nei periodi primaverili e autunnali, sono molto ristrette causa gli estesi periodi di caldo, oppure, nel caso di essenze Macroterme, per l’elevato costo della semente, i lunghi periodi di germinazione richiesti e la difficoltà di reperire varietà di qualità sul mercato.

Non dimentichiamo che il fruitore privato del prato, vedendo abbassarsi i costi di fornitura e posa, rispetto la semina ex-novo, attribuisce valore al prato pronto per la velocità di esecuzione e l’immediato utilizzo senza dover aspettare mesi prima di posizionare una sdraio o far giocare cani e bambini. Posso affermare che ormai un giardino di 200 mq non viene più seminato ma steso in rotoli.

La diffusione al Nord di questa tecnica di costruzione di tappeto erboso si è avuta a partire dalla fine degli anni ’90, in particolare dopo il caldo anomalo e prolungato del 2003 (da maggio a ottobre).

La produzione di prato pronto è  un attività  praticata da aziende agricole e vivai  i cui gestori/proprietari hanno cercato di incrementare la produzione vendibile aziendale esplorando nuove colture  e nuovi mercati per rendersi sempre più indipendenti dalle logiche clientelari dell’agricoltura tradizionale. Poi, alcune di esse, si sono sempre specializzate e attrezzate per sfruttare le economie di scala, tipiche delle coltivazioni agricole estensive, ma senza rinunciare alla qualità del prodotto finale. Il livello qualitativo italiano è considerato in media il migliore d’Europa, anche se non mancano le eccezioni negative.

Poche, comunque, sono le aziende agricole o vivai  che producono prato pronto in modo esclusivo (ne contiamo non oltre una quarantina), gli altri hanno più attività complementari (da giardinieri, caseari, agricoltori, allevatori di bestiame, orticoltori ecc. ecc.).

Continua la lettura di La produzione di Prato Pronto In Italia. I produttori e i tipi di prato